Servizi al cittadino

Descrizione del procedimento

La guida turistica illustra per professione e con competenza a carattere regionale, nel corso di visite guidate in accompagnamento di singoli o gruppi di persone, opere d'arte, gallerie, musei, mostre, monumenti, scavi archeologici, complessi architettonici, urbanistici, città ed insediamenti umani, beni demo-etno-antropologici e quant'altro sia testimonianza di una civiltà, evidenziandone le caratteristiche artistiche, storiche e monumentali. Per esercitare la professione di guida turistica è necessario iscriversi nel registro professionale tenuto dall'Assessorato regionale del Turismo.

Tutti i soggetti interessati possono presentare la domanda di iscrizione in qualunque momento dell'anno allo sportello SUAPE facente capo al proprio comune di residenza. La Provincia ha poi il compito di verificare il possesso dei titoli e la relativa documentazione e di trasmettere l'esito dell'istruttoria, positivo o negativo, all'interessato e all'Assessorato regionale del Turismo per i successivi adempimenti (di iscrizione al registro o di non accoglimento della richiesta). L’iscrizione o il diniego vengono disposti dal Dirigente del Servizio Turismo con apposito provvedimento. L'Assessorato regionale del Turismo riceve, esamina e decide i ricorsi in materia di iscrizione al registro presentati entro 30 giorni dalla comunicazione del provvedimento amministrativo regionale.

I titolari di diploma di scuola media superiore con almeno un anno, anche non continuativo, di comprovata esperienza nel settore, possono esser iscritti nel registro delle guide turistiche dopo aver superato l’ esame bandito ogni due anni con decreto dell'Assessore regionale competente per materia.

Chi esercita la professione di guida turistica con abilitazione all'esercizio presso altre regioni o altri paesi membri dell'UE, per ottenere l'iscrizione nel registro dovrà sostenere un esame integrativo consistente in una prova orale avente ad oggetto la storia e la geografia della Sardegna, con specifico riferimento al patrimonio storico-artistico, naturalistico, ambientale ed archeologico (archeologia nuragica e prenuragica), folcloristico ed enogastronomico.

Per la partecipazione agli esami l'interessato dovrà presentare domanda di partecipazione al bando di concorso alla Segreteria Dei Registri della Provincia di residenza. Ciascuna Provincia provvede ad istruire le domande ricevute e a trasmettere l'esito all'Assessorato del Turismo, indicando tutti i dati relativi al candidato.

L'Assessorato Regionale del Turismo provvede con determinazione del direttore del Servizio Turismo all'iscrizione nel registro e alla contestuale attribuzione del numero di iscrizione, o al non accoglimento della richiesta.

I soggetti che possiedono i requisiti soggettivi e abilitativi minimi, che intendono esercitare la professione di guida turistica nel territorio della Regione Sardegna, possono presentare le richieste di iscrizione in qualunque momento dell'anno alla Segreteria dei Registri della Provincia competente per territorio.

Per coloro che devono sostenere l'esame di esercizio della professione, si ricorda che l’esame viene bandito ogni due anni con decreto dell’Assessore regionale competente per materia. Il termine per la presentazione delle domande di partecipazione all’ultimo bando è scaduto il 31 gennaio 2013.

Requisiti per l'iscrizione

  • Requisiti soggettivi minimi:
  1. maggiore età;
  2. cittadinanza italiana o di altro paese membro dell'Unione europea (sono equiparati i cittadini extracomunitari in regola con le leggi dello Stato);
  3. godimento dei diritti civili;
  4. idoneità psico-fisica all'esercizio della professione Il certificato può essere rilasciato dalla ASL, da un medico convenzionato con la ASL o da un medico militare. Il certificato deve attestare testualmente "l'idoneità psicofisica all'esercizio della professione di guida turistica". Non si ritengono ammissibili locuzioni similari che attengano allo stato di "buona salute" o alla "sana e robusta costituzione" o alla "assenza di impedimenti che pregiudicano lo svolgimento della professione" eccetera;;
  • Requisiti abilitativi minimi per l'accesso alla professione:
  1. laurea almeno triennale in discipline attinenti alle materie turistiche, umanistiche e storico-artistiche ed architettoniche;
  2. tre mesi effettivi, anche non continuativi, di tirocinio operativo certificato in Sardegna, avente ad oggetto attività connesse al patrimonio storico-archeologico-monumentale della Sardegna

Per tirocinio operativo certificato si intende un periodo di formazione intensivo in affiancamento presso associazioni, enti o società pubbliche o private che erogano servizi turistici e/o culturali o presso una figura professionale turistica già abilitata ed iscritta nel registro regionale. La certificazione di tirocinio deve attestare la pratica dell’attività di guida turistica per il periodo richiesto (almeno tre mesi anche non continuativi) e almeno dieci prestazioni di guida in affiancamento alla guida professionista.

Per chi non possiede i requisiti abilitativi minimi:

I titolari di diploma di scuola media superiore con almeno un anno, anche non continuativo, di comprovata esperienza nel settore, possono esser iscritti nel registro delle guide turistiche previo superamento dell’esame bandito ogni due anni dall'Assessore regionale competente per materia.

Per la richiesta del tesserino personale di riconoscimento è disponibile l'apposito modulo nella sezione modulistica.

Normativa di Riferimento: